pracatinat.it

Storia

Pracatinat nasce tra il 1926 e il 1930. In un periodo storico in cui la tubercolosi causa, solo in Italia, circa 60.000 vittime ogni anno, un comitato di persone propone la realizzazione di un sanatorio in alta montagna, alle cui spese di costruzione decide di partecipare il Senatore Giovanni Agnelli. Vengono così costruite le due strutture definite “Sanatori Popolari” e dedicate ai figli del Senatore: Edoardo Agnelli e Tina Nasi Agnelli.

Negli anni ’70 la funzione ospedaliera di Pracatinat diminuisce progressivamente, fino a quando nel 1981 una Legge Regionale lo svincola dalle finalità sanitarie. Nel 1982 l’edificio Edoardo Agnelli diviene Centro di Soggiorno e la gestione è affidata ad un Consorzio composto da Provincia di Torino, Comuni di Torino e di Fenestrelle, Comunità Montana Valli Chisone e Germanasca. Successivamente entrano a far parte del Consorzio i Comuni di Pinerolo, Moncalieri, Asti e Rivoli.

Nel 1983 il Centro di Soggiorno diventa Laboratorio Didattico sull’Ambiente con un’attività prevalentemente rivolta al mondo della Scuola.

Nel 1996 si avvia la ristrutturazione del secondo edificio, denominato Tina Nasi Agnelli, che apre nel 1999 ed è denominato Laboratorio per una società sostenibile: ente strumentale per le politiche dei partner pubblici nella progettazione, formazione, produzione culturale e sviluppo locale sostenibile; residenza per organizzazioni, gruppi e persone che realizzano stage, o per una vacanza in un luogo accogliente.

Nel 2008 gli Enti consorziati decidono la trasformazione del Consorzio in Società consortile per azioni e Pracatinat acquisisce un importante patrimonio immobiliare: gli edifici del complesso edilizio di Pracatinat, conferiti dal Comune di Fenestrelle.

Pracatinat mantiene le proprie funzioni di welfare: all’origine un servizio per il benessere inteso come cura di patologie, oggi il benessere come stato che caratterizza la qualità della vita delle persone.

Pracatinat è luogo privilegiato per la formazione e il tempo libero, con un progetto in sviluppo permanente che si traduce in attività a livello regionale, nazionale ed europeo.

 

Gli edifici

I due edifici di Prà Catinat, denominati Sanatori Popolari Edoardo Agnelli e Tina Nasi Agnelli furono costruiti tra il 1926 e il 1930 e originariamente considerati presidi sanitari di avanguardia anche dal punto di vista architettonico. L’incarico della progettazione del sanatorio maschile, Edoardo Agnelli, fu affidata all’ing. Emilio Decker. Vittorio Bonadè Bottino, collaboratore dell’Ing. Giacomo Matté Trucco, progettista del Lingotto di Torino, intervenne nella direzione lavori e nella progettazione del sanatorio femminile “Tina Nasi Agnelli”, in qualità di uomo di fiducia del senatore e ingegnere capo della divisione costruzioni Fiat.

La composizione planimetrica e il disegno di facciata dei due edifici sono simili. L’ubicazione isolata, in una pineta e a terrazza sulla Valle Chisone, implicò ingenti lavori di adattamento e problemi di trasporto, poi risolti con la costruzione della teleferica nel 1927.

Le ristrutturazioni dell’edificio Edoardo Agnelli agli inizi degli anni ’80 e del Tina Nasi Agnelli a fine anni ’90, hanno accompagnato i mutamenti di mission dell’importante e imponente complesso edilizio.

Oggi l’edificio Tina Nasi Agnelli, pur conservando alcune caratteristiche originarie che ne ricordano la storia (gli scaloni, i marmi, i lampadari, le ampie terrazze, ecc…), è una struttura alberghiera funzionale e adeguata ad accogliere singoli, famiglie, piccoli e grandi gruppi, con spazi e servizi per ogni esigenza di stage o per soggiorni di vacanza.